Grandi manovre politiche 

Nel titolo manca la localizzazione delle “grandi manovre”Negli Usa!!!.Non vedo sulla stampa internazionale nessuna analisi “politica ” ,si privilegiano  giudizi sommari e di colore,è sufficiente stigmatizzare il presidente americano,sottolineando contraddizioni e difficoltà.mentre a mio modesto parere,il presidente ha una precisa strategia per consolidare anzi rafforzare il controllo sul paese,altro che indebolimento. Senza il “consueto “clamore e -incredibile -senza tweets provocatori,Mr Trump E’!!in campagna elettorale(del medio termine ) per ottenere una -compatta-maggioranza più che “repubblicana”o “Tea party “ma “Trump ista “. Invito i lettori ad un dibattito, con vostre idee e considerazioni. …perché credo che la politica e le turbolenze attuali sono soltanto una anticipazione.

Annunci

2 Comments

  1. Fin dall’inizio il fenomeno Trump è stato trattato come un fenomeno da baraccone più che come un fenomeno politico. E lo è, indubbiamente, ma ha intercettato (e sdoganato) umori profondi che esistevano ed evidentemente decenni di politicamente corretto non erano riusciti ad eliminare. Eppure gli americani avevano votato Bush jr. contro Al Gore, e solo il fenomeno mediatico Obama (un nero alla Casa Bianca!) aveva interrotto la deriva (perdendo comunque la maggioranza al Congresso alle elezioni di mid-term). Il partito repubblicano si è spostato molto a destra rincorrendo i Tea party, e non ha saputo proporre un candidato credibile, e alla fine ha “subito” Trump. Ma questo lo sanno tutti, inutile ricordarlo. Secondo me Trump sta “imparando”, la persona è astuta e spregiudicata e non so se abbia davvero degli ideali; piazza uomini fidati dappertutto, anche senza competenze specifiche, occupando il potere militarmente. D’altro canto i democratici sembrano ancora sotto shock, come la nostra “gioiosa macchina da guerra” del ’94… e il presidente li costringe continuamente sulla difensiva a “difendere” le leggi volute da Obama. Secondo me prima delle elezioni promuoverà qualche scaramuccia militare e consoliderà il potere, spero di sbagliare. Per fare cosa però, se non per far fare soldi alle lobbies, non si capisce bene… importanti saranno anche i dati sull’occupazione e l’immigrazione, naturally, muro o non muro. C’è poi la questione Europa. Quasi tutti i leader sembrano in imbarazzo quando lo incontrano, non sanno bene da che verso prenderlo forse; aspettano che passi la nottata? Quello forse più preoccupato sembra essere l’alleato turco, ha motivo di esserlo? Quegli armamenti che sta acquistando dalla Russia come si leggono? Mi sono accorto di aver espresso più dubbi che certezze, e del resto mica sono un analista politico, sono solo un cantastorie… buona serata!

    Mi piace

LASCIA UN COMMENTO...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...